Dimagrire: dieta per perder peso in 1 mese

Dimagrire in sole 4 settimane? Con un pò di impegno e la giusta alimentazione è possibile.

di Francesco Giuseppe Ciniglio 19 giugno 2012 15:35

Volete darvi tempo 1 mese per perdere qualche kg? In fin de conti 4 settimane sono sufficienti per rimettersi in forma senza fare grossissimi sacrifici. Seguendo il programma che elencheremo di seguito, se avrete un pò di costanza non troverete alcun problema a perder peso, senza però sottostare ad una dieta sfibrante, che sottrae energie preziose al corpo. Il trucco delle diete “benefiche”, infatti, sta nel dare energia al corpo, aiutandolo a superare la fatica e lo stress quotidiano.

Programma

1) Mangiar di più per i primi sette giorni

Patendo la fame spesso si finisce con l’abbandonare la dieta. L’deale è dunque saziarsi con alimenti sani e in grado di dare il giusto carico di energia.

2) Colazione abbondante

La colazione deve essere abbondante e diversificata. L’ideale per iniziare la giornata è un bicchiere di acqua tiepida con in aggiunta un cucchiaino di miele. Questo stratagemma è perfetto per assimilare al meglio la colazione e tutti i principi nutritivi in essa contenuti.

Per la colazione optare per un tè verde e se amate gli zuccheri, meglio propendere per miele o marmellata. Se invece amate il salato, potrete ovviare con un uovo sodo e patè d’olive. In entramb i casi, è bene concludere la colazione con un frutto di stagione.

3) Proteine vegetali

Se si vuole dimagrire è necessario sostituire le proteine vegetali con quelle animali per almeno 3 giorni a settimana.

4) Eliminare i cibi light

Gli alimenti dietetici paradossalmente sono inadatti allo scopo che si propongono, visto che sia per ciò che concerne il gusto sia per l’apporto energetico offrono l’illusione di potersi nutrire di più, finendo spesso col vanificare la presenza di meno calorie rispetto ai prodotti tradizionali, dato che si tende a consumarl in quantità maggiori.

5) Spuntini

Gli spuntini per ritenersi tali devono essere sani e non troppo calorici. Ad esempio 1 cucchiaio di cioccolato, una mela, uno yogurt greco, 1 pompelmo o una spremuta d’arancia, etc.

Seconda settimana

1) Eliminare il cibo spazzatura

Una volta che ci si sentirà sazi e pieni di energie, sarà più facile rinunciare alle “schifezze”. Potrebbe essere utile tenere un diario, annotando tutte le pietanze di cui ci si nutre. Le bibite gassate e i grassi vanno eliminati o perlomeno limitati

2) Cibi integrali

Pan carrè per toast, pasta e pane, pizza, tutti alimenti che si trovano anche in versione integrale.

3) Grassi “buoni”

Non tutto il grasso viene per nuocere, visto che il salmone, l’olio d’oliva e la frutta secca sono ricchi di grassi non dannosi. Da evitare invece il burro, l’olio di palma e la margarina, che vanno ad alimentare il colesterolo.

4) Sostituire lo zucchero

I sostituti dello zucchero sono veramente tanti, malto, fruttosio, miele, sciroppo d’acero, etc. Da evitare i dolcificanti.

Terza settimana: porzioni ridotte

E’ giunto il momento di ridurre le porzioni. Imparate a mangiare metà porzione, ad esempio 60 grammi di pasta, 50 grammi di verdura, 50 grammi di pesce, etc.

Quarta e ultima settimana

E’ tempo di raccogliere i frutti e gratificarsi. I festeggiamenti sono d’obbligo, anche per non ingrassare per via dello stress, che finisce per stimolare il cortisolo, un ormone che spinge il corpo ad immagazzinare grasso attorno al girovita e ad alimentarsi con cibi ipercalorici.

5 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti