Prevenire le malattie: abitudini da modificare

Contrastare le malattie variando le proprie abitudini Errori da evitare per non ammalarsi.

di Francesco Giuseppe Ciniglio 6 giugno 2012 19:48

Le malattie non sempre sono legate alla fatalità. Spesso, infatti, ci si ammala per via di comportamenti scorretti, dunque prendendo le giuste precauzioni possiamo tutelare la nostra salute. Vediamo dunque come difenderci dai rischi più comuni, modificando le nostre abitudini più dannose.

1) Cellulare incollato all’orecchio

Al momento il rischio nel complesso è ancora basso, tuttavia la ricerca al momento evidenzia come, coloro che hanno trascorso gli ultimi dieci anni a parlare a cellulare in modo tradizionale, ovvero senza servirsi di auricolari, hanno una maggiore tendenza a sviluppare tumori cerebrali.

2) Parlare a cellulare e inviare Sms alla guida

Parlare a telefono e inviare sms mentre si guida, va sicuramente ad incidere sulla sicurezza del guidatore, visto che aumenta le probabilità che quest’ultimo ha di fare un incidente. Insomma un pericolo molto più grande delle stesse radiazioni.

3) Tendine doccia in Pvc

L’odore di Pvc (cloruro di polivinile) emanato dalle tende da doccia ha una derivazione “organica”. Si tratta di materiali che col tempo possono risultare cancerogeni, causando mal di testa e nausea. Meglio preferire le tende in tessuto, certo, tendono a bagnarsi ma non sono dannose per la salute.

4) Immettere contenitori di plastica nel microonde

La plastica quando viene interessata dal calore va a rilasciare le sue componenti chimiche. Quest’ultime finiscono nelle pietanze che siamo occupati a riscaldare, con un conseguente danno per la salute.

Nello specifico, il bisfenolo riesce a simulare gli effetti degli estrogeni nel corpo e in alcuni casi potrebbe portare ad una pubertà precoce o addirittura al cancro al seno o ai testicoli. Meglio dunque optare per contenitori di vetro o di ceramica.

5) Collari antipulci

Gli adulti che tendono a giocare con il proprio gatto o il proprio cane con indosso un collare antipulci si espongono ad un rischio tossicologico. Ancora più a rischio i bambini, più vulnerabili in tal senso.

I collari antipulci più dannosi sono quelli che presentano sostanze chimiche al loro interno, volte ad uccidere i parassiti. Al fine di tutelare la salute del nostro cane/ gatto, ma anche la nostra, è preferibile ricorrere ad altri stratagemmi antiparassitari. Meglio preferire le pillole da assumere per via orale.

6) Umidificatore

L’abuso di queste macchine a vapore possono risultare estremamente utili quando si è ammalati, ma esagerare con l’uso potrebbe finire col peggiore le cose. Stando ad uno studio del New York State Department of Health, ad ammalarsi d’asma maggiormente sarebbe i bambini che fanno un uso frequente di un umidificatore.

7) Dentifrici e saponi antibatterici

Dentifrici e saponi antibatterici contengono il triclosano, un germe che tende a sviluppare dei batteri resistenti agli antibiotici.

17 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti