Tv: pericoloso guardarla per più di 1 ora al giorno

Secondo uno studio condotto dalla rivista "Science", la tv stimolerebbe l'aggressività dei telespettatori.

di Francesco Giuseppe Ciniglio 2 giugno 2012 21:00

Ogni anno il dibattito sulla tv e sugli eventuali effetti negativi a lei ascritti torna alla ribalta. Sono stati eseguiti numerosi studi a riguardo, molti con esiti tra loro contrastanti, tuttavia l’ultima ricercata pubblicata dalla rivista Science sembra mettere la parola fine sulla vicenda, visto che lo studio avrebbe dimostrato che un eccesso di televisione porterebbe i telespettatori ad un aumento dell’aggressività.

Lo studio in questione merita un occhio di riguardo, visto che si tratta di uno dei più importanti in merito, senza contare che ha coinvolto oltre 700 nuclei familiari statunitensi e si è protratto per oltre 17 anni. Gli spettatori sono stati intervistati prima la prima volta nel 1983, successivamente nel 1985 e infine nel 2000. All’epoca dei primi colloqui, l’età media era di 16 anni. Una supervisione eccezionalmente lunga, specialmente per ciò che concerne gli studi su questo argomento.

Per comprendere gli effetti della tv, i ricercatori hanno classificato i telespettatori in 3 differenti gruppi, in base al tempo da loro trascorso dinnanzi alla tv: 1 ora al giorno, da 1 a 3 ore, più di 3 ore. Intervistando poi le famiglie e le autorità locali, gli studiosi hanno provveduto a valutare il numero di atti violenti attuati dalle persone oggetto dell’indagine. Stando ai dati che sono emersi, sembrerebbe che più si guarda la tv, più si diviene aggressivi.

Questo discorso vale in particolar modo per i ragazzi in un’età compresa tra i sedici e i ventidue anni. Basti pensare che solo il 6% di coloro che avevano trascorso meno di 1 ora dinnanzi alla tv erano finiti col commettere atti violenti. Percentuale del 22.5% per coloro che passavano da 1 a 3 ore dinnanzi alla tv e 28.8% per chi la guardava per più di 3 ore al giorno.

Entrando nel particolare, i ricercatori hanno rivelato che gli individui di sesso maschile sono maggiormente influenzati dalla tv rispetto al gentil sesso. Basti pensare che la percentuale delle ragazze “violente” che guardavano la tv meno di 1 ora si assestava attorno al 2%.

Lo studio ha analizzato anche la fascia d’età compresa tra i ventidue e i trent’anni, in modo da capire se l’effetto nocivo della tv va ad attenuarsi con l’età. Dall’analisi è emerso che gli adulti sarebbero meno influenzati dalla tv per ciò che concerne l’aggressività.

Conclusioni

Bisogna precisare che gli autori dello studio non ascrivono alla tv la diretta responsabilità degli atti violenti dei propri telespettatori, tuttavia prendono in considerazione la connessione tra i due fenomeni.

1 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti