I prestiti per le spese mediche: come finanziare le terapie lunghe

in tempi di crisi ecco come non rinunciare alle nostre cure

di Mario Vitelli 16 luglio 2014 10:00

Gli effetti della crisi si riflettono anche sulle spese mediche. Se fino a qualche tempo fa si chiedevano prestiti per sostenere soltanto le spese mediche, adesso sono in aumento le richieste di prestiti personali per finanziare le terapie lunghe.

Per pagare le spese mediche, infatti, le famiglie chiedono sempre più di frequente i prestiti personali. La sanità ha subito dei tagli importanti e così anche molti interventi indispensabili, molte spese primarie sono diventate a pagamento. Le statistiche dedicate ai finanziamenti per spese sanitarie raccontano l’aumento delle richieste di prestiti per rateizzare cure dentistiche, interventi di estetica e terapie di lungo periodo. In termini percentuali, nel 2013, l’1% dei prestiti personali è stato riservato al pagamento delle spese mediche.

La società finanziaria Agos Ducato, da sempre attenta ad incontrare le esigenze dei propri clienti, ha pensato ad un’offerta in linea con la trasformazione sociale in atto, proponendo finanziamenti per spese sanitarie con tassi altamente competitivi.

Di seguito l’esempio di un prestito personale che puoi richiedere: 10.000 euro di prestito rimborsabili in 120 rate da 127,80 euro al mese. Il TAN fisso all’8,91%, TAEG al 10,26%, incluse spese d’istruttoria pari a 200 euro, imposta di bollo sul finanziamento di 16 euro e le altre spese che possono essere approfondite sul sito della società finanziaria.

Richiedere un prestito online per far fronte alle spese mediche impreviste, non solo quelle estetiche, vuol dire prendersi cura della propria salute, far fronte senza preoccupazioni alle spese sanitarie, chirurgiche e dentistiche. I finanziamenti dedicati alla salute e alla cura della persona possono essere usati anche per trattamenti di bellezza nei centri benessere e per l’acquisto dell’attrezzatura necessaria al fitness.

0 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti