Potenza sessuale: hot sotto le lenzuola con le piante afrodisiache

Piante afrodisiache per sbalordire il proprio partner a letto. Elenco dei migliori rimedi naturali per migliorare le proprie performance sessuali.

di Francesco Giuseppe Ciniglio 1 giugno 2012 13:51

Volete sbalordire il partner sotto le lenzuola? Vediamo come migliorare le proprie performance e la carica erotica grazie alle piante afrodisiache. Di seguito un elenco delle piante in grado di stimolare la libido e la potenza sessuale con i relativi benefici.

1) La Cappuccina

Le proprietà sulfuree e pepate di questa pianta sono note per la capacità di migliorare le performance sessuali. La ricchezza di componenti, tra cui zolfo e vitamine, conferisce alla piante virtù afrodisiache.  E’ altamente consigliata anche a coloro che desiderano mantenersi giovani. Foglie e fiori della cappuccina sono perfetti per essere assunti con lattuga e scarole.

2) L’Angelica

L’Angelica è l’ideale per rilanciare la libido. Ciò è dovuto alle sostanze antiossidanti da essa contenute (cumarine e flavonoidi). Una pianta in grado di tonificare il corpo e restituire l’energia vitale. Da consumare in infusione mettendo 40 grammi di foglie e fiori freschi in 1 / 1,5 litro d’acqua bollente, lasciando in infusione per una decina di minuti a fuoco spento. L’ ideale è consumarne almeno 2 tazze al giorno.

3) Lo Zenzero

Non a caso la parola “Zenzero” tradotta significa “virilità”. Lo Zenzero è infatti un favoloso stimolante per l’apparato genitale. Una pianta in grado di provocare uno strepitoso afflusso di sangue in grado di garantire l’erezione sempre e comunque.

4) Lo Zafferano

Lo zafferano è una spezia pregiata dalle indubbie virtù afrodisiache. La sua fama risale addirittura all’antico Egitto, come olio da massaggio. Una pianta stimolante anche per le donne, dato che va ad agire sull’utero, agevolando le contrazioni. Da consumare preferibilmente in infusione, mettendo 14 grammi di polvere in 1 litro d’acqua bollente per una quindicina di minuti, bevendo una tazza ogni giorno per una quindicina di giorni.

5) La Santoreggia “Pepe d’asino”

La santoreggia o Pepe d’asino che dir si voglia, è famosa per esser stata citata persino da Ovidio nella sua “Ars amatoria”. Ideale per la stimolazione delle ghiandole corticossurenali. Va assunta immettendone un cucchiaio in una tazza d’acqua bollente, anche un paio di volte al giorno.

6) La Salvia

La salvia è ricchissima di ormoni e va a stimolare le ghiandole surrenali. La sua potente azione estrogenica è perfetta anche per le donne interessate da un calo di libido. Va assunta immergendo 20 grammi di foglie e fiori in 1 litro d’acqua bollente per circa dieci minuti. Preferibilmente bere almeno tre tazze al giorno.

1 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Tags: amore · sesso
Commenti