Wi-fi in treno: radiazioni dannose per la salute

Secondo il Codacons, le connessioni senza fili a bordo dei treni potrebbero rappresentare una grossa minaccia per la salute dei passeggeri.

di Francesco Giuseppe Ciniglio 11 ottobre 2012 16:15

Il Wi-fi sarebbe dannoso per la salute dei passeggeri del treno, almeno secondo le rilevazioni eseguite dal Codacons, che ha mosso forti accuse a Ntv e Trenitalia. Le onde elettromagnetiche utilizzate nei convogli ferroviari per garantire la connessione senza fili ai passeggeri, supererebbero i valori massimi consentiti dalla legge.

Del resto, l’esposto presentato dal Codacons alle Procedure della Repubblica di Roma, Firenze, Milano, Torino e Bologna e ai Misteri della Salute e dell’Ambiente, parla chiaro.

Ora non resta che attendere la sentenza del Tar del Lazio, che al momento, è apparso sensibile a tale problematica, invitando Trenitalia e Ntv a fare tutto il possibile per poteggere i passeggeri dai rischi per la salute derivanti dalle onde elettromagnetiche.

I dati registrati dal Codacons appaiono di un’enorme gravità, se si pensa che l’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro definisce i campi magnetici potenzialmente cancerogeni una volta superato l livello di 0.4 microTesla.

Sarebbero poi i minori quelli maggiormente colpiti dalle onde elettromagnetiche.  Entrando nello specifico riguardo i dettagli offerti dal Codacons, sui treni Frecciarossa i valori dei campi elettromagnetici hanno fatto registrare un superamento del limite imposto pari al 600%.

Situazione ancor più grave (limitato oltrepassato del 6800%) nei vagoni Italo. I suddetti valori fanno riferimento alle tratte Roma Ostiense – Milano Porta Garibaldi e Milano – Roma.

Conclusioni

In attesa del pronunciamento del Tar del Lazio non resta che sperare in un “flop” dei sistemi di rilevazione del Codacons, visto che a guardare i dati riguardanti le onde elettromagnetiche, quest’ultimi sembrerebbero essere veramente allarmanti.

Abbiamo visto, infatti, che sul treno Italo si parla di un superamento di quasi 7.000 volte dei limiti imposti. Se i dati registrati dal Codacons verranno confermati, di sicuro ci saranno fortissime multe per Trenitalia e Ntv, ree di aver badato ad offrire un servizio eccellente, senza badare alla sicurezza dei propri passeggeri.

2 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Tags: salute · wi-fi
Commenti