7 modi in cui lo stress influisce sulla salute degli uomini

Numerosi studi hanno dimostrato l'incidenza dello stress e dell'ansia sul corpo dei maschietti. Scopriamoli insieme.

di Simona Vitale 23 giugno 2013 11:24

I livelli medi di stress di uomini e donne possono essere più o meno alla pari gli uni con gli altri, ma l’incidenza fisica e psicologica dello stress a lungo termine su uomini e donne è molto diversa.

Oltre ai numerosi effetti da stress sulla salute sperimentati da entrambi i sessi, la tensione e l’ansia possono riversarsi in maniera più che immediata sul corpo del maschio.  Mentre lo stress tende ad attivare la risposta “tendere e fare amicizia” nelle donne, gli uomini reagiscono allo stress più con l’aggressiva risposta “lotta o fuggi”, secondo uno studio. 

Quando viene attivata la lotta o fuga [in entrambi i sessi], il nostro corpo entra in modalità di emergenza ed esso si prende cura dei bisogni immediati e acuti, concentrandosi su come ottenere energia dai muscoli. Tuttavia non ci prendiamo cura dei bisogni del corpo più a lungo termine”, ha dichiarato Christy Matta che ha scritto “The Stress Response“, riferisce l’Huffington Post.

Ecco, dunque, alcune delle ragioni per cui i rappresentanti del sesso maschile farebbero bene a non stressarsi troppo.

1. Diminuzione dell’attrattiva facciale

Il testosterone, ormone maschile, è stato collegato con un sistema immunitario forte e con l’attrattiva del viso negli uomini. Uno studio dell’Università di Aberdeen, in cui le donne hanno classificato l’attrattività di 94 uomini, ha trovato che quelli con il testosterone più alto e più bassi livelli di cortisolo, l’ormone dello stress, hanno avuto maggiori risposte dal sistema immunitario e sono stati considerati più attraenti. Gli uomini con livelli più elevati di cortisolo, a loro volta, sono stati considerati meno attraenti. Il cortisolo, suggerisce lo studio, può giocare un ruolo importante nel bloccare l’appello di testosterone per potenziali compagni.

2. Rischio di malattie cardiache

Un ampio corpo di ricerca ha stabilito che lo stress è un fattore di rischio per lo sviluppo di malattie cardiache e che lo stress ereditato può anche aumentare il rischio di malattia cardiaca precoce. Recentemente, uno studio dell’Henry Ford Hospital ha scoperto che gli uomini con una storia familiare di malattie cardiache hanno avuto una diagnosi di malattia di cuore in media 12 anni prima rispetto a quelli senza una storia familiare. Si è anche riscontrato che essi hanno più probabilità di avere un più alto punteggio dei sintomi di stress (una valutazione fatta sulla base di preoccupazioni, impazienza, rabbia e altri sintomi) rispetto agli uomini senza una storia familiare di malattia cardiaca – il che suggerisce che la propensione allo stress può essere, in una certa misura , ereditata.

In un comunicato stampa l’autore dello studio Mark W. Ketterer, Ph.D., ha detto: “Nessuno degli altri fattori di rischio, tra cui il colesterolo alto, pressione alta o diabete, hanno dimostrato di avere un significativo legame familiare in questo gruppo. Pertanto, è probabile che gli uomini che hanno un esordio precoce della malattia di cuore potrebbero avere una predisposizione genetica allo stress, che causa la malattia di cuore “.

3. Lo stress influisce sullo sperma e sulla crescita dei figli

La ricerca sugli animali suggerisce che lo stress cronico può causare modifiche nell’espressione genica dello sperma del padre e questi cambiamenti potrebbe manifestarsi nella sua prole, sotto forma di una blanda reazione allo stress.

Non ha importanza se i papà stavano attraversando la pubertà o l’età adulta. Abbiamo dimostrato per la prima volta che lo stress può produrre cambiamenti a lungo termine per lo sperma che può influire sulla stessa prole“, ha dichiarato il ricercatore Tracy L. Bale, Ph.D., in un comunicato stampa dell’università  “Questi risultati suggeriscono un modo in cui l’esposizione paterna allo stress può essere collegata a tali malattie neuropsichiatriche.”

4. Accelera lo sviluppo del cancro alla prostata

Un recente studio sui topi ha trovato che lo stress cronico può accelerare lo sviluppo del cancro alla prostata, il che suggerisce che i malati di cancro alla prostata potrebbero beneficiare di riduzione dello stress come parte del loro trattamento.

Studi condotti dall’Università della California hanno dimostrato che la gestione dello stress può produrre risultati positivi in uomini con cancro alla prostata.

5. Disfunzione erettile

Secondo WebMD , dal 10 al 20% di tutti i casi di disfunzione erettile (DE) sono legati a fattori psicologici come stress, ansia e depressione. Robert M. Sapolsky, professore di neurologia a Stanford, ha spiegato che l’accensione del sistema nervoso parasimpatico è essenziale per l’eccitazione – ma quando siamo stressati, è il sistema nervoso simpatico ad essere operativo (“lotta o fuga”).

6. Lo stress diminuisce il numero degli spermatozoi

Lo stress e l’ansia possono giocare un ruolo importante nella fertilità maschile, secondo una nuova ricerca. Recenti studi condotti in Italia, come riportato da Reuters Health, ha scoperto che gli uomini che sono stressati eiaculano di meno e hanno un numero di spermatozoi inferiore rispetto a quelli che non sono sotto stress. Lo stress è stato inoltre positivamente correlato con deformazione e meno mobilità degli spermatozoi.

7. Recesso sociale

Lo stereotipo del “tipo forte e silenzioso” può effettivamente essere un quadro della risposta allo stress maschile. Uno studio del 2010 condotto presso la Southern California University ha scoperto che gli uomini che sono stressati mostrano una minore attività nelle regioni cerebrali associate a comprendere i sentimenti degli altri. Quando posti sotto stress acuto, gli uomini avevano mostrato minori risposte del cervello alle espressioni del viso, soprattutto la paura e la rabbia, mentre le donne hanno una maggiore attività in queste regioni del cervello.

4 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti