Ci preoccupiamo del Coronavirus, mentre il permafrost si scioglie

L'argomento del momento è il coronavirus, ma di cosa dovremmo preoccuparci seriamente?

di pask 29 Febbraio 2020 23:55

Ormai ne abbiamo sicuramente tutti le tasche piene e le tv piene ed internet pieno, facebook, tg, social, insomma l’isteria di massa è scoppiata ed il cornavirus è l’argomento più chiacchierato del momento.

Si fa a gara per dare notizie, spesso anche false o fuorvianti, su questo virus che sembra non arrestarsi mai. Non siamo di certo noi ad aggiungere fuoco alla brace con notizie false, ormai le cose basilari sono state dette. Questo virus è CURABILE ed il tasso di mortalità è talmente basso che praticamente sarebbe da considerarsi tra le malattie meno pericolose avute nella storia.

Eppure l’isteria non sembra placarsi. Supermercati vengono depredati dai viveri principalmente per paura di una quarantena che costringerebbe le persone in casa. Le farmacie hanno finisco scorte di mascherine e disinfettante, tanto che l’oms ha pubblicato una ricetta per farselo in casa. Tutti sono diventati dispensatori di consigli per l’igiene, quando poi le cose dette in teoria ci si dovrebbe aspettare che fossero alle basi DA SEMPRE della pulizia personale.

In tutto ciò sta passando in secondo piano una notizia ben più pericolosa di un virus curabile, una notizia che rischierebbe di danneggiarci tutti indistintamente, cosa sta accadendo al nostro pianeta?

Il permafrost si scioglie

Il permafrost, che rappresenta lo strato di ghiaccio perenne caratteristico delle regioni artiche continua a sciogliersi a causa dell’aumento delle temperature climatiche. Insomma i primi segni del surriscaldamento globale sono, ora, ben visibili.

A lanciare l’allarme un gruppo di scienziati cileni in missione che hanno pubblicato nell’articolo usato come fonte (linkato in fondo) le immagini di un antartide privo di neve, mai visto prima d’ora. Si sono superati i 20° di temperatura e questo fa preoccupare. A farne le spese in primis è sicuramente la fauna locale che con un habitat totalmente stravolto è messa in serie difficoltà.

Di notizie simili ce ne sono a iosa e tutti sappiamo i rischi principali che ricadrebbero sul pianeta: desertificazione, innalzamento dei mari, scioglimento dei ghiacciai che potrebbero liberare nuovi ceppi di malattie ad oggi sconosciute e se già con il coronavirus è successo un casino, provate ad immaginare cosa potrebbe succedere in questi casi.

Fonte

Commenti