Corpo perfetto: ecco il segreto

Un fisico da copertina? Qual è il giusto stratagemma per ottenere tutto ciò? Scopriamolo insieme.

di Francesco Giuseppe Ciniglio 25 giugno 2013 1:07

Un corpo perfetto, il sogno di molti. Come ottenerlo? Inutile spendere fiori di quattrini in integratori o sostanze vietate, visto che il vero segreto per un fisico da urlo è tutto nella testa. Stando ad uno studio condotto dall’Università di Melbourne (Australia), la mente svolgerebbe un ruolo preponderante nella resistenza ad un allenamento di particolare intensità. Questione di autosuggestione più che forza di volontà. Una forza frutto di tecniche di rilassamento in grado di regalare fiducia nei propri mezzi.

Corpo perfetto e autosuggestione

Per giungere a tale conclusione, i ricercatori australiani hanno preso in esame 500 uomini con un’età compresa fra i 18 e i 35 anni, tutti soliti praticare sport almeno 3 volte a settimana. Dai risultati, è emerso che, coloro che tendevano a fantasticare e a porsi obiettivi realistici, finivano con l’avere risultati migliori. Un caso? In genere in palestra un istruttore fornisce determinate indicazioni e stimoli, che, tuttavia, se non recepite ed interiorizzate, non porteranno benefici. Stando ai risultati dello studio, per sfruttarle al meglio, è necessario autosuggestionarsi, auto convincersi di riuscire a centrare un obiettivo concreto.

Del resto mente e corpo sono strettamente connessi fra loro, poiché, in grado di influenzarsi a vicenda. Per tale ragione, per riuscire in un allenamento intenso, è necessario dar spazio alla propria parte interiore, ascoltando il proprio corpo. Per forza di cose, la parte emozionale deve avere la meglio su quella intellettiva.

Esagerazione? Niente affatto, visto che, stando al parere dei ricercatori australiani, il cervello non farebbe alcuna differenza fra ciò che è concreto, reale, tangibile e ciò che è frutto solo di una visualizzazione realistica. Per tale ragione, l’attività fisica potrebbe portare a risultati migliori se condita da elementi in grado di stimolare l’atleta come suoni, odori, luci.

Immaginazione a go go dunque per perseguire il sogno di un corpo perfetto. Un modus operandi che alla lunga, finirà con il rivelarsi vincente anche nella vita di tutti i giorni.

0 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti