Dimagrire e depurarsi: dieta del carciofo

Perdere peso grazie alla dieta del carciofo. Vediamo le potenzialità di questo regime alimentare, adatto per chi intende depurare il proprio organismo.

di Francesco Giuseppe Ciniglio 8 luglio 2012 15:35

Voglia di abbandonare i kg in eccesso? Avete mai provato la dieta del carciofo? Molti erroneamente confondono questa dieta con quella vegetariana.

La dieta del carciofo, come è ovvio che sia, si basa sul consumo di carciofi. Questo alimento è perfetto per eseguire una corretta disintossicazione dell’organismo, visto che contiene flavonoidi e polifenoli e presenta tantissime proprietà benefiche.

Per chi non lo sapesse, il carciofo viene considerato:

– Depurativo e diuretico, visto che va a favorire l’eliminazione dei liquidi in eccesso, andando a contrastare anche la formazione della cellulite (sali minerali e composti flavonici), specialmente magnesio e potassio

– Anti-colesterolo, visto che riesce a stabilizzarne i livelli.

– Antipanciae alleato della digestione, dato che consente di bruciare grassi e migliorare il metabolismo.

– Riequilibrante, poiché va a regolare il livello degli zuccheri nel sangue.

– Antiossidante, dato che la cinarina in esso contenuta va a contrastare i radicali liberi, rallentando l’invecchiamento delle cellule.

Attenzione

E’ possibile usare tutte le foglie del gambo di carciofi ed è importante fare attenzione a come lo si cucina, poiché questo potrebbe perdere le sue proprietà terapeutiche, per tale motivo, è preferibile cucinarlo a vapore.

Detto ciò, andiamo a vedere come si articola la dieta del carciofo (regime alimentare che può essere mantenuto per un massimo di 3 giorni).

Colazione

Una premuta d’arancia;

3 fette di pane integrale con della crema di carciofi;

1 Yogurt magro

Spuntino

Un pompelmo

Pranzo

70 grammi di riso integrale con carciofi;

1 Pompelmo

Merenda

Una mela

Cena

4 carciofi cotti a vapore, da condire con un pò di olio extravergine d’oliva e un pò di sale;

2 fette di pane integrale;

60 grammi di grana padano.

Conclusioni

Prima di intraprendere la dieta, è sempre bene rivolgersi al proprio medico di base, in modo da verificare le proprie condizioni di salute e se si ha una particolare intolleranza a determinati alimenti. Vi ricordo tra l’altro che questa dieta non può essere sostenuta per più di 3 giorni.

2 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti