Dimagrire velocemente con la dieta Scarsdale

Dimagrire velocemente grazie alla dieta Scarsdale (Smd). Vedamo come si struttura questo particolare regime alimentare.

di Francesco Giuseppe Ciniglio 23 giugno 2012 20:24

Desiderate perder peso? Avete mai sentito parlare della dieta Scarsdale? Per chi non lo sapesse, si tratta di un regime alimentare suddiviso in due parti, entrambe con una durata di 14 giorni.

La dieta Scarsdale, conosciuta anche con l’acronimo di Smd (Scarsdale Medical Diet) si contraddistingue per la forte riduzione nell’assunzione di grassi, carboidrati e zuccheri ed un aumento dei carboidrati di origine vegetale e delle proteine.

Seguendo questo tipo di dieta, è possibile dimagrire anche 400 grammi al giorno, tuttavia, sarà fondamentale rispettare delle regole precise per non mandare a monte il risultato finale.

Regole

1) Pesarsi ogni giorno

Per seguire questa regola è necessario prender il proprio peso tutte le mattine, annotando il proprio peso in modo da poter controllare le variazioni di peso che avvengono da un giorno all’altro.

2) Eliminare lo zucchero

Per aver successo in questa dieta, è fondamentale non adoperare zucchero, miele o panna per tè e caffè, sostituendolo con un dolcificante. Attenzione però alle calorie, visto che alcuni dolcificanti sul mercato presentano su per giù lo stesso apporto calorico dello zucchero. Da evitare assolutamente quelli a base di aspartame, visto che numerosi studi la bollano come una sostanza cancerogena.

3) Alcolici

E’ necessario non bere alcolici per almeno 14 giorni e evitare assolutamente quelli dolci per l’intera durata della dieta. Durante la seconda fase, ovvero quella di mantenimento, sono consentiti 2 bicchieri di vino al giorno.

4) Bevande analcoliche

E’ possibile bere tè e caffè di qualunque tipo, acque toniche, bibite light, etc.

5) Pane

Il pane può essere mangiato di rado e durante la fase di mantenimento è possibile mangiarne un massimo di 2 fette al giorno. E’ preferibile adoperare il pane integrale, poichè maggiormente ricco di fibre.

6) Spuntini

Evitare di mangiare fuori pasto, l’unico spuntino ammesso sono cetrioli e carote.

7) Quantità

Le quantità degli alimenti non presentano limitazioni, tuttavia, bisogna non esagerare.

8) Condimenti

Evitare burro e olio, meglio limone e aceto. Durante la fase di mantenimento, mai andare oltre un cucchiaio d’olio a pasto.

9) Cibi

E’ necessario preferire carni magre, come petto di tacchino o di pollo, latte scremato, formaggi magri.

10) Verdure

Le verdure vanno bene di qualsiasi tipo, poichè ricche di fibre, vitamine e minerali.

11) Frutta

La frutta va consumata tutte le mattine, via libera a mele, agrumi, kiwi.

12) Sport

E’ preferibile fare sport almeno 3 volte a settimana, evitando però un’attività cardiovascolare come la corsa o la bicicletta, visto che questa dieta è povera di carboidrati, indispensabili per chi pratica sport aerobici. E’ dunque preferibile lavorare con i pesi per tonificare il corpo.

Conclusoni

La dieta Scarsdale presenta un regime alimentare molto restrittivo, dunque non bisogna andare oltre i 14 giorni, al termine dei quali si potrà seguire una dieta di mantenimento del peso che permetterà di mangiare più carboidrati.

Qualora il dimagrimento non sia stato ultimato dopo le due settmane di Smd, sarà possibile seguire le consuete 2 settimane di mantenimento e poi ri-iniziare la dieta Scarsdale per altre 2 settimane alternando dopo le due settimane con la dieta di mantenimento, fino a raggiungere il proprio peso ideale.

3 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti